Come redigere il country by country report

Di Erwin De Keukeleere, Senior Consultant Sigma Conso
Istockphoto 956414070 612x612
Portrait Erwin e1485349577822 150x150

Il rapporto paese per paese o Country by Country Report (CbC) fa parte del progetto OECD, che concerne l’erosione dell’assetto fiscale e del trasferimento dei profitti (Base Erosion and Profit Shifting (BEPS) Action Plan 13).Questo piano d’azione è basato su tre pilastri principali: 1) rinforzare i requisiti di sostanza negli standard internazionali esistenti; 2) migliorare la coerenza delle regole locali che interessano attività multinazionali; 3) migliorare la trasparenza e la consistenza.

L’approccio a 3 strati dell’Action Plan 13 consiste in un file maestro, un file locale e un rapporto Country by Country da presentare annualmente.

Cosa e chi?

Il rapporto CbC fornisce dati fiscali e finanziari aggregati della giurisdizione fiscale in cui il gruppo ha il proprio business. Gruppi con un reddito consolidato (operativo, finanziario ed eccezionale) che eccede i 750 M€ nel periodo di deposito immediatamente precedente, sono obbligati ad archiviare questo tipo di report.Il rapporto dovrebbe essere presentato a partire dall’anno fiscale che è iniziato il 1 gennaio 2016. Tuttavia, questa raccomandazione non è obbligatoria e alcuni paesi hanno scelto di implementare l’Action 13 in date successive.

In alcuni paesi, inoltre, è permessa l’archiviazione facoltativa del rapporto Country by Country. Per quelle aziende facenti parte della giurisdizione fiscale che non autorizzano l’archiviazione facoltativa, può essere realizzata una dichiarazione locale.

Qual è l’impatto di questa obbligazione sulle grandi società multinazionali?

Le aziende devono raccogliere informazioni che non erano mai state richieste fino ad ora nei rapporti fiscali, ovvero la riconciliazione paese per paese di:

  • Ricavi totali
  • Ricavi – partiti correlati
  • Ricavi – partiti non correlati
  • Profitti e perdite
  • Tassa pagata
  • Imposta maturata
  • Capitale
  • Guadagni
  • Numero dei dipendenti
  • Risorse

Nonostante la finalità dell’Action 13 sia fiscale (per garantire le informazioni con l’obiettivo di migliorare la trasparenza dell’amministrazione fiscale), sembra che il carico di lavoro stia cadendo sui dipartimenti di consolidamento e di Group Controlling all’interno di un gruppo.

Quali sono i punti chiave per realizzare un rapporto Country by Country?

  • Fonte delle informazioni: i dati possono essere disponibili in diversi sitemi e su differenti livelli (statuari o interni al gruppo)
  • Ottimizzazione dei costi, del tempo e degli sforzi per l’organizzazione e il sistema usato
  • Definizione degli indicatori richiesti, sulla base del piano dei conti del gruppo (p.e. la definizione dei guadagni)
  • La portata del consolidamento: metodo proporzionale, aziende non consolidate
  • Programmare un calendario per la raccolta delle informazioni
  • Riconciliazione tra il rapporto CbC, il consolidato a livello di legge e il reporting gestionale (sebbene non richiesto)

Tuttavia, il successo del rapporto Country by Country dipende da come viene gestito all’interno del gruppo.Se avete bisogno di aiuto, non esitate a contattare uno dei nostri consulenti specializzati!

Oppure, chiedete una dimostrazione di Sigma Conso Consolidation & Reporting e vedrete come può essere facile realizzare il rapporto CbC con la nostra applicazione.

Cb C3 e1485352692621